L’arte rupestre valdostana, alla luce delle ultime scoperte

L’arte rupestre valdostana alla luce delle ultime scoperte: incontro con Damien Daudry venerdì 25 settembre 2015 ore 20.30 ad Issogne, auditorium presso le scuole.

L’arte rupestre valdostana
alla luce delle ultime scoperte

COMUNE DI ISSOGNE
auditorium presso le scuole
venerdì 25 settembre 2015 – ore 20.30

Incontro con DAMIEN DAUDRY

Nella sua più che quarantennale attività di ricerca sul territorio di segni lasciati dai primi abitanti della regione, la Société valdôtaine d’histoire et d’archéologie fornisce un importante servizio di consulenza alla Soprintendenza per i beni e le attività culturali della Valle d’Aosta, alla quale segnala regolarmente gli esiti delle proprie ricognizioni.

Le incisioni rupestri rappresentano spesso l’unico segnale dell’occupazione di un sito da parte dell’uomo della preistoria o della protostoria, accanto ad altre tracce – per esempio le coppelle – di assai più ardua interpretazione.

Se le incisioni di La Barma di Valtournenche e di Chenal di Montjovet costituiscono le massime espressioni locali di queste fonti sulla vita dei nostri antenati, altre, venute alla luce anche recentemente, documentano una diffusa presenza umana nel territorio valdostano sin da epoche remote.

Per molti anni direttore didattico di circoli scolastici, DAMIEN DAUDRY è il fondatore della S.Va.P.A. – Société Valdôtaine de Préhistoire et d’Archéologie, di cui è presidente, e del Bulletin d’études Préhistoriques Alpines.

Ingresso libero

 Loc Daudry 2015

Download (PDF, 623KB)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

fifteen − 5 =

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>